Solare Termico

Descrizione:
Il solare termico è una tecnologia matura e affidabile, in grado di offrire ottime prestazioni energetiche e un notevole risparmio economico.
Un impianto solare termico, costituito da pannelli solari termici (da non confondere con i pannelli fotovoltaici) e da un sistema di accumulo dell’acqua calda, consente di trasformare la radiazione solare in energia termica utile, sotto forma di acqua o aria calda.
Le diverse tipologie impiantistiche degli impianti solari possono soddisfare una vasta gamma di esigenze. Dai semplici sistemi a circolazione naturale a quelli a circolazione forzata, senza dimenticare gli impianti combinati in cui l'acqua calda prodotta dal solare viene utilizzata per riscaldare non solo l'acqua sanitaria ma anche l'acqua circolante nell'impianto di riscaldamento.
Un impianto solare non è fatto solo di pannelli, ma necessita anche di un sistema più o meno complesso di accumulo e di distribuzione dell’acqua calda.

Tipologie di impianto
Sistemi a circolazione naturale: Sono sistemi economici e di facile installazione, di norma commercializzati sotto forma di kit monoblocco, con serbatoio integrato.
Sono l’ideale per produrre acqua calda sanitaria in abitazioni unifamiliari. Si possono installare su tutto il territorio italiano, anche se in genere temono i climi troppo rigidi.
Di norma, il serbatoio di accumulo dell’acqua calda è posto in posizione più alta rispetto ai collettori. Questo perché il fluido che circola nel collettore, riscaldato dall’irraggiamento solare, sale di moto spontaneo e cede calore all’acqua contenuta nel serbatoio.
Nelle stagioni più fredde, un’integrazione di acqua calda può essere fornita da qualsiasi impianto termico tradizionale o da una resistenza elettrica posta all’interno del serbatoio.
Sistemi a circolazione forzata: Sono sistemi più complessi e costosi rispetto alla circolazione naturale. Hanno la caratteristica di avere il serbatoio d’accumulo separato dal collettore e collocato all’interno dell’abitazione.
La circolazione del fluido riscaldato dal sole non è spontanea, ma avviene grazie a una pompa elettrica di ricircolo e ad una centralina di controllo e regolazione.
L’integrazione di acqua calda può essere data dalle tradizionali caldaie, istantanee o meno, o da una resistenza elettrica posta nel serbatoio.
I sistemi a circolazione forzata sono ideali in caso di utilizzo annuale dell’acqua calda, per usi sanitari ma anche per l’integrazione con il riscaldamento domestico, negli impianti solari combinati.

Incentivi per l'installazione
L’installazione di un impianto solare termico può beneficiare del regime fiscale agevolato consistente nella detrazione d’imposta del 65% in fase di dichiarazione dei redditi. Le spese sostenute entro il 31 Dicembre 2014, sono detraibili in 10 anni (quote annuali di pari importo). La detrazione non è cumulabile con eventuali incentivi riconosciuti dalla Comunità Europea, dalle Regioni o dagli Enti locali. Pertanto, il contribuente deve scegliere se beneficiare della detrazione o fruire dei contributi comunitari, regionali o locali. Infine, è da ricordare che per gli impianti solari termici si applica l’aliquota IVA del 10%.
Per saperne di più scarica la “Guida al risparmio energetico e agevolazioni fiscali.

In alternativa alle detrazioni fiscali, il DM 28-12-2012 ContoTermico ha introdotto un nuovo sistema incentivante per la sostituzione dei vecchi impianti di riscaldamento con impianti geotermici e/o solari termici; a differenza delle detrazioni fiscali, che prevedono l'importo cui si ha diritto detratto dall'Irpef in 10 rate uguali in altrettanti anni, il Conto Termico fa avere il contributo in due anni e non come detrazione, ma versato direttamente in conto corrente.


Ritorno economico
I ritorni economici del solare termico sono sempre molto interessanti, grazie ai costi abbastanza contenuti di questa tipologia di impianti. Il tempo di ritorno economico dell’investimento è da valutare, oltre che sulla base dei dati d’impianto (costo, insolazione, fonte tradizionale sostituita e suo costo, ecc.), anche dalla presenza o meno di incentivi (detrazione fiscale o contributi comunitari, regionali o locali). Nel caso di sostituzione di scaldabagni elettrici o a GPL e/o in presenza di incentivi pubblici (ad es. la detrazione IRPEF del 65%) l’investimento rientra in 3-6 anni.


■ Sede Amministrativa e Commerciale: Viale Vittorio Veneto, 115 - Troina - EN    ■ Sede di Rappresentanza: Via Alcide de Gasperi, 18 - Bergamo
  P.Iva 01141430866 e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Copyright© 2016 Siar. Tutti i diritti riservati.